CategoriesLife Style Music

Lo Scooter Rally dell’Isola di Whight

Attivo nella scena sin dagli anni ’80, Steve Robson non solo gestisce un negozio di successo chiamato Visual Impact, ma è anche il principale organizzatore di uno dei tanti eventi che si svolgono durante il Bank Holiday Weekender dell’Isola di Whight. Abbiamo chiesto a Steve di raccontare ai nostri lettori come è andata  ed anche qualche riflessione sulla scena attuale…

Ancora una volta come Three Stroke Productions, siamo stati uno sponsor orgogliosi di un evento di qualità!

Se c’eravate , sapete di cosa stiamo parlando. Se non c’eravate, assicuratevi di esserci l’anno prossimo!

12-206x300

Ciao Steve, ci puoi dire qualcosa sull’IoW Bank Holiday?

Nei primi anni ’80 gestivo un negozio di scooter sull’isola e quando il primo raduno nazionale scooter  arrivò nella mia città, Ryde, avevamo un garage pieno di pezzi di ricambio che portammo al campo del raduno.  Passammo il weekend riparando delle Lambrette! Fu  molto divertente e incontrammo un sacco di bella gente , oltre a guadagnarci qualche sterlina. Quell’anno non parecipammo a nessuna serata e mi pare che rimanenmmo tutto il tempo al campo a bere birra.

Nel corso degli anni il rally  ha vissuto molti alti e bassi, ma non si è mai interrotto  grazie all’ottimo lavoro  del collettivo VFM e della BSRA che hanno curato l’organizzazione del campeggio, i custom show, gli stand con i pezzi di ricambio  e l’intrattenimento alla pista di pattinaggio.

Il Rally sta diventando sempre più vario ogni anno con serate in tutta l’ isola, nonché a Ryde, con tanta scelta che ce n’è davvero per tutti i gusti!

Le mie serate erano organizzate inizialmente al Ryde Theatre, ma dopo che il comune lo ha chiuso, gli ultimi quattro anni siamo stati al Balcony Bars sul lungomare di Ryde, che è stato un ottimo venue per noi.

Mi sono sempre orientato verso il panorama Mod sia original che revival, con band originali come The Chords , The Purple Hearts, la band degli anni ‘60 The Birds, Simon Townshend, The Moment, Pope, Squire assieme ad altre fantastiche cover e revival band come The Small Fakers, Who’s who, The Tiddly Kinks & The Hi-Watts.

DX_5493-300x214

Mi piace anche includere ogni anno band originali, il che non è facile in  quanto la maggior parte del nostro pubblico non le conosce molto.

DX_5419-214x300

Ma quando funziona  e vedi che tutto è  andato bene, allora è fantastico: quest’anno The Theme, una band dell’East London con un gran potenziale, ha fatto davvero un ottimo lavoro.   Inoltre abbiamo un esercito di dj capitanati da un grande soul man di queste parti, Tim Boogaloo. Quest’anno il ‘The Ham Yard Dj’ era l’evento principale del sabato, hanno proposto dei pezzi davvero di qualità, tanto che potrei ascoltarmeli ogni sera della settimana!   Abbiamo anche messo dj e band durante la giornata davanti ai bar Pavilion e quest’anno abbiamo avuto più di duemila persone ogni giorno a godersi la grande atmosfera del Rally.

31F5926-300x214

Com’è gestire un evento così di successo ma anche così difficile da organizzare?

È molto divertente e ogni volta non vedo l’ora che arrivi, anche se non passa mai senza un paio di momenti di stress! Ogni anno, almeno due band perdono la prenotazione dei traghetti, qualcuno sta male o si rompe una gamba il giorno prima, e ovviamente non abbiamo abbastanza letti per le band negli alberghi perché ci sono sempre due ragazzi in più di quello che ci hanno detto. Alla fine però  in qualche modo ce l’abbiamo sempre fatta!

DX_5522-300x214

Noi crediamo che la scena sia sana se è ancora in grado di attrarre i giovani. In altre parole, il fattore mod ancora l’appeal giusto al giorno d’oggi?

Sono assolutamente d’accordo che abbiamo bisogno dei ragazzi e da quello che sto vedendo la scena li sta attirando: ci sono un sacco di ottime giovani band e giovani DJ che spuntano in questo momento. Si vestono davvero bene e c’è anche qualche acquisto di scooter.

Uno dei momenti più belli del Rally IOW è stato rappresentato dai  tre  ragazzi di 15 anni della band  The Orders: hanno suonato sabato pomeriggio, e posso dire onestamente che non credo di aver mai visto una reazione così positiva nei confronti di una band. Hanno suonato per lo più cover dei The Kinks , The Who e The Jam con alcuni pezzi loro originali, ma con la passione e l’energia che solo un adolescente potrebbe avere. Sono sempre stato  un grande fan dei The Jam e quando i The Orders hanno suonato le prime canzoni come ‘Art School’ e ‘Modern World’ sembrava ci fossero Paul, Bruce e Rick a suonare al Woking Working Man’s Club.

250820133270-300x168

Ora sto aiutando i ragazzi e abbiamo una serata in arrivo dove suoneranno i The Orders .I dj hanno tredici e quindici anni, il tecnico del suono ha quindici anni, e l’ingresso è gratuito per i minori di diciotto anni. Spero proprio di vedere  un secondo Mod revival!

Quali band e quali club mi consiglieresti?

Beh, ho avuto modo di accennare ai The Orders e ai The Theme, e certamente anche i The Strypes che sono semplicemente geniali. Infatti, ci sono un sacco di buone band in questo momento: The 45s, The Sonik Seeds, e i miei preferiti The Universal e DC Fontana.

Per quanto riguarda i club, ti dico ovunque ci siano The Ham Yards o i  Rick Tick DJs : serata top garantita!

250820133274-300x168

 

DX_5578-Panorama-2-300x88

Idee per l’edizione del prossimo anno?

Il piano è sempre quello di migliorarsi rispetto all’anno scorso e abbiamo un certo numero di cose da modificare per migliorare il posto e c’è ancora qualche band che mi piacerebbe vedere all’IOW che non ha mai suonato qui, anche se non dico chi così da non farmele soffiare da qualche altro promoter!

L’unica cosa di cui sono sicuro è l’Isle Of Wight Rally è destinato a continuare ad essere uno dei migliori dell’anno.

– Grazie Steve!

Leave a Reply

Three-Stroke Productions
Distinctive Clothing Since 1997

Explore

© 2024 MG SRLS – P.IVA 05010940236
X
Add to cart