Three Stroke Productions talk to James Webb (MMA)

James Webb is a MMA fighter from Colchester. He made his debut with Cage Warriors Fighting Championship on 2 June at Indigo at The O2 (London)  against Miro Jurkovic.

We interviewed James a couple of years ago so we thought it was about time we had another chat with him..

 

Hi James, you recently made your debut with Cage Warriors Fighting Championship.

What are your impressions about it?

Yes I made my Cage Warriors debut back in early June. Absolutely loved it, everything about it from the weigh ins to the final production. It was amazing.

Tell us something about your style: What’s your favorite strike/submission to use in any fight? 

My fighting style was something we didn’t get to see unfortunately in this fight. But you will, I’m aiming to go again in September with Cage Warriors again in London. So I guarantee and promise every one there supporting me you will see that style. I like to use my right hand a lot to back people up, then what I should of done was got the take down and worked for a choke. My favourite choke is the darce choke. I got it in my pro debut.

Which team are you training with and how ?

 I’m training and fighting out of SBG Swords now which is based in Ireland. I’ve been with these guys over a year now and I have to say apart from a little setback the other day, everything has gone to plan. Just been taking everyone out which is a massive credit to my mma coach Chris Fields.  I still train when I’m home but I’m mainly working on my BJJ and Wrestling. That’s with ZR team Essex under my head bjj coach Alain Pozo. It’s a team that I grew with from day one and it’s still the same old faces week in week out. I really am very fortunate to be where I am and with who I am.

What else do you do a part from training?

What else am I doing? Eating haha. I love food and I’m partial to a few drinks. I just have one passion and that’s fighting, I do everything I can to better myself as a fighter. Train different disciplines and work my s&c. I don’t really care to much about anything else tho, I’m not to fussed about what’s happening in other sports. I just want to fight and continue learning throughout my career and journey.

Are you into football ? what’s your favourite football team?

 I’m not that into football, again.. I’d watch England play with my friends but as far as clubs go I’m not that fussed.

Plans for the coming months?

For the coming up months I need to get redemption in my loss. So I want to go again in September, I have few little injuries I need to heal first but they will recover and I’ll come back even better and stronger in 2017.. wait and see 👍🏻

I just want to give a shout out to some guys who helped me prepare for Cage Warriors, thanks to all at SBG and Zr Team. Thank you to the ISI for all the s&c and tips on my recovery. Thanks to Brian Lee at Chopped for helping me eat whilst away and to Glenn Cowen at GRC. Glenn helped me massively with my medical bills to fight on this show and I’m forever grateful. It’s not over with. Win or learn.
Lastly thank you Chris Fields Alain Pozo and Tom King for everything and to Martin Hastings for managing my life. So I can train fight and work my way to the top! Thank you to Three Stroke Productions for the nice new clothes and this interview. Let’s do this again in a year and see the difference.
Follow James on facebook and instagram

news from Down Under : The Casual End ..

A couple of weeks ago, our pals at The Casual End , Melbourne launched their website.

We took the occasion to have a quick with them so they can introduce their project to our readers

 

Would you introduce yourselves and your project to our readers?

The Casual End is a group of friends from Melbourne who share the same passion.

Our idea was to become the first store to introduce some of the most iconic casual brands to Australia.  With the casual movement increasing in recent years down here we want to create not only a store but a culture for fellow like-minded people.

This was the inspiration for our name, after a some drinks and a lot of pizza meetings Sammy and I agreed on The Casual End.

We grew slowly and brought on a couple friends to join in the project: this eventually started as The Casual End as the first online shop retailing Three Stroke Productions and Peceful Hooligan in Australia.

Most of the brands we can see in Europe are not here yet here, hence why we thought this could be a good opportunity for us to serve the hidden demand for these products, which lies among some passionate casual-wear lovers and supporter groups.

 

 

 

How is the “casual scene” in your country like?

It may not be as big as in Europe but it’s definitely alive. Australia is a very proud and passionate sporting nation and this transcends into football supporters here.

The traditional groups of supporters are linked to the old NSL clubs founded by the European immigrants during the 50s.

With the inception of the A-League in 2005, most of the people who once used to follow and support their community club, re-organised themselves to back the new franchises established from scratch and representing cities rather than ethnic groups. Melbourne and Sydney, being the two biggest cities, also have most of the supporters split between Melbourne Victory & Melbourne City on one end and Sydney FC & Western Sydney Wanderers on the other. Adelaide and Perth follow with the only two former NSL clubs which continued to live in the A-League: Adelaide United and Perth Glory.

Despite the A-League, there are still plenty of supporters that sticked with their traditional community clubs, nurturing the passion for them regardless of the League.

 

Does the European background of most Aussies have an influence on your local scene?

Definitely. Australians with European background are the ones who show more interest in the casual subculture and that keep it alive.

In particular among the different ethnic groups, the Croatians are the more active showing deep passion for their roots along with the Greeks, Italians, Macedonians etc.

 

 

What are your plans for the near future?

Increasing exposure of the casual scene here, adding more brands to our exclusive portfolio and expand our collection with more items.

Sales are going well and soon we will need to look at what to bring down to keep up with the demand.

Eventually we want to open our first TCE store in Melbourne and look at pushing our brands into retailers.

We re sure our friends are going to do well and should you wish to know more about them check out their website and follow them on instagram and facebook

SS17 t shirts..

One step ahead…..

 
Winter is now behind us. Beaches and sunbathing are still far off, but as the warmer days approach, yes – it’s time for some graphic design t-shirts.

 As you well know, when it comes to t-shirts we definitely feel like we have the upper hand.

 We continually work with some of the top artists from around the world. With all of the themes designed by them that represent subjects related to the scene in which we live in.

 We avoid the “already seen” designs whilst always trying to add a sense of fun and irony to our themes.

 The market is packed with of t-shirts, so our aim is to be on the ball and improve on our range year after year.

 Our current SS17 collection includes classic subjects such as “My Generation Vol 3” and a new and funny interpretation of a football match as seen from the fans point of view.

 

 Also there’s the new “Catch Me ” theme. If you can recall Di Caprio’s film Catch Me If You Can, well we’ve drawn inspiration from the film poster and incorporated it into the football terrace.

 

 Our stance on modern football is encapsulated in our old flyer style “Tyranny” t-shirt… A best seller already..

 Nihil (Nothing is impossible to the one who wants it) is our constructivism inspired tribute to “willpower”

 

 “My Mates” is nothing more than a comic strip version of one of our best selling t-shirts ever “My City, My Team, My Mates”.

 “The Boys Are Back In Time” is our latest collaboration with one of the hottest artists around at the moment – A Guy called Minty. With his unique style he portyrays the life of street kids in some tricky designs.

Check out our website for more original and exciting t shirts:

Profilo Basso Vol 25

Ci sono tanti motivi per non lasciarsi sfuggire il numero 25 di Profilo Basso, l’ottima fanzine prodotta da qualche parte nel più profondo Nord Est Italiano:

la pagina dedicata al “ventennale” della Three Stroke Productions è certamente uno di questi ma come molti di voi sapranno, i ragazzi che animano questa fanzine ci hanno abituati bene. Alla qualità e varietà degli argomenti ora si aggiunge una veste grafica interamente a colori che rende ancora più piacevole la lettura. Gli articoli hanno certamente  un filo conduttore e un qualcosa che li unisce;  la passione per certe sottoculture traspare in modo accattivante ed equilibrato ma i temi trattati sono diversi..c’è la terrace culture ovviamente, con i suoi report da trasferte spesso oltre confine e da campi minori , quelli dove è più palpabile la mentalità più genuina dei fans ed il “calcio moderno” non ha ancora completato il suo lavoro di disintegrazione; c’è la musica, tema a noi caro, con sortite a 360 gradi su tutto ciò che di bello succede oltremanica. Poi non manca  il clothing, con segnalazioni e recensioni mai banali.E infine ci sono dei godibilissimi racconti di viaggi effettuati dai vari collaboratori della fanzine che in questo numero ci portano nella fredda e costosissima Norvegia (2 hamburger e 2 birre medie Euro 50…arghhh 🙂 )

Gli altri temi ? Ve li andate a scoprire acquistando la fanzine.

A proposito…Da questo numero, Profilo Basso sarà disponibile unicamente presso di loro quindi contattateli attraverso facebook o instagram.

https://www.facebook.com/ProfiloBassoFanzine/?fref=ts

https://www.instagram.com/profilobassofanzine/

 

 

MODWEAR Palermo: un angolo brit in Sicilia

Era da tempo che se  avvertiva l’esigenza di un punto di riferimento per tutti gli amanti dello stile brit di Palermo e non solo..

Grazie all’inventiva e alla passione di Salvo, oggi questa lacuna è finalmente colmata. Il Modwear è un corner vivacissimo dove troverete tutto il meglio del clothing di ispirazione mod e casual ma non solo: come ci spiega Salvo, il suo progetto è concepito per appagare anche la vostra voglia di musica e di stile brit.

Entrando al Modwear varcate la manica e siete nell’Inghilterra che più vi piace…

La parola a Salvo 



mod-2
Ciao Salvo vuoi presentare MODWEAR ai nostri lettori?
Come nasce la tua passione per questo genere di abbigliamento?
Salve,se è’ possibile vorrei partire da più lontano, dal Modcafè, locale aperto tre anni fa. Il progetto nasce da un’iniziativa imprenditoriale nuova dinamica e verticale.Il pub,ormai diventato realtà nel contesto palermitano,frequentato da giovani appassionati di musica Brit & Mod,sceglie di rendere omaggio alla subcultura modernista.
>L’identità Modernista del locale rimane prepotente,prendendo spunto dalle sonorità,dagli stereotipi e dai “colori” della scena Mod britannica e finisce per svariare in diversi stili,passando dal BritRock al soul e al R&B. Sull’onda del successo del Modcafè nasce l’idea del Modwear,negozio aperto a pochi passi dal pub,in via Roma 377, con lo scopo di creare un mercato ed un impronta  verticale tra le due attività.
Dalla subcultura Londinese nata a Londra nei primi anni 50,nasce la mia passione per l’abbigliamento e la voglia di imporre anche nel settore “clothing”lo stile Brit casual & Mod,e di proporre tutti gli stili che hanno caratterizzato la scena britannica dagli anni 50 ad oggi.
Infatti ,come al Modcafè lo store oltre a renderere omaggio allo stile preciso ed elegante dei Mods,spazia,senza mai uscire dal tema moderno e autentico e Brit,per arrivare ad altri look, che rimangono collegati alla subcultura,come lo stile punk,il casual,e skinhead.

Che caratteristiche deve avere un marchio per entrare a far parte del tuo contenitore?
I marchi presenti all’interno dello store,oltre ad essere consoni alle caratteristiche sopra elencate,devono essere Originali eleganti e con forte identità.
La scelta dei brand è fortemente caratterizzata dalla qualità e dallo stile,il cliente che entra in store deve trovare il capo che più lo caratterizza,dando sfogo alla propria personalità e le proprie attitudini.img_0168

 

A pochi mesi dall’inaugurazione che feedback hai captato? come risponde il pubblico alla tua proposta?
I feedback sono parecchio positivi,forse ben oltre le aspettative,i clienti e amici hanno apprezzato molto lo stile e la scelta del design del negozio e sembrano anche apprezzare i brand ed i capi presenti,che per stile e attitudine accontentano un po’ tutti per le diverse scelte ed identità.
Molto importante è’ anche la risposta dei turisti e dei clienti occasionali,che sembrano apprezzare lo store e i capi d’abbigliamento da me scelti.

 

img_0163

 

Gia dal nome è molto chiara la tua ispirazione stilistica e sappiamo che ti interessa particolarmente anche la parte “musicale” della scena.
Quali sono i tuoi punti di riferimento musicali? Esiste qualche artista siciliano o italiano del momento che merita di essere menzionato?
Si,il mio omaggio alla subcultura nasce soprattutto dalla musica.
Ovviamente molto importante è’ la passione per gli WHO,per i JAM,KINKS e SMALL FACES,senza dimenticare I MADNESS.
Ma oltre le scene anni 60′ 70′ e 80′,tra R&B northern Soul & Ska,molto importante e prepotente nella scelta e nella attitudine è il Britpop anni 90 e l’indie Rock e alternative.
Nel panorama musicale come non citare gli “STATUTO” maestri di stile sempre Moderni ed eleganti con la loro musica e la loro eleganza nell’abbigliamento.
Rimanendo sempre a Torino,cito anche il mio amico Mattew Berth con la sua Brit Band G91,grandissima energia e tanto stile.
Nel panorama Siciliano,ovviamente il ModFather ENIO PERITORE(Quadrophenio)con tutti i suoi progetti sempre nuovi ed eleganti.Ed anche band Giovani e con grande energia che hanno contribuito al successo dell’ondata Brit della Città come la brit band HARD LEMONS,I beat FANCIES e il gruppo Surf GROOVY Kind,ed i sempre più bravi IRON SKY del geniale Vincent Hank e del prodigio Valerio Panzavecchia.

img_0169
Tifi per il Palermo? Segui la tua squadra?
Tifo ed anche tanto,ma purtroppo non la squadra della mia città natale,infatti la mia passione per il calcio è’ legata all’INTER,mia squadra del cuore da sempre,che per ovvi motivi di distanza mi viene difficile seguire.
Ma comunque seguo più che la squadra del palermo l’ambiente stadio,avendo molti amici e clienti che tifano e vivono la loro fede calcistica nella nostra città.

Grazie a Salvo per la chiacchierata. Palermo , ora avete un motivo in più per visitare la straordinaria città di Palermo ! !

Seguiteli su facebook 

mod

Intervistati da Zani.co.uk

Il web, si sa, è in continua evoluzione e cambiamento, e, a volte, con il trascorrere degli anni,  i contenuti si disperdono.

Abbiamo ritrovato e “riesumato” il testo della traduzione in italiano dell’intervista che Ian Park della webzine zani.co.uk fece ad Alan Tyler della Three Stroke Productions nel 2011.  Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata tantissima ma forse alcuni di voi troveranno interessanti e anche attuali, i contenuti di quella chiacchierata.

Zani.co.uk è una webzine inglese di ottima reputazione. Scivono di musica, di abbigliamento, di lifestyle e a volte anche di calcio. Il tutto da un punto di vista abbastanza “modernista”..

 

Alla Three Stroke Productions capiscono bene le similitudini tra le due
sottoculture Mod  e Casual – Alan e il suo team vengono da quei mondi e
attraverso un melting pot  di idee e creatività hanno realizzato una linea
di abbigliamento che parla ai Mods giovani e vecchi e suscita attrazione
anche in ambito Casual.
Il marchio fu fondato a Londra nel 1997 e da anni viene prodotto interamente
in Italia. Sono orgogliosi della qualità dei loro prodotti e del retaggio
culturale cui essi sono ispirati.
L’intervista rappresenta un interessante presentazione del marchio e copre
argomenti molto importanti quali l’importanza del Made in Italy, l’influenza
delle Sottoculture britanniche sul fashion e le numerose attività
collaterali promosse dalla Three Stroke Productions.

Ho voluto intervistare Alan perchè penso che un marchio che resiste in piena
indipendenza in questi tempi di recessione rappresenti qualcosa che meriti
grande attenzione.
Gestiscono tutto direttamente e continuano a crescere e, grazie anche al
passaparola, si stanno costruendo un’ottima reputazione.

ZANI- Come hai iniziato a disegnare capi d’abbigliamento? Hai sempre avuto
questa passione anche da giovane? Mentre i tuoi amici giocavano a calcio tu
ti dilettavi  tra pezzi di stoffa varii?
ALAN- Qando ero un teenager mi piaceva il calcio sia come tifoso che come
aspirante giocatore. L’idea dell’abbigliamento è venuta anni dopo….Eravamo
tutti parte di una scena che è molto attenta allo “stile” così un giorno
abbiamo deciso di fondare il nostro marchio.

ZANI- Avevi dei punti di riferimento particolari nel clothing design?
ALAN- Sono sempre stato un fan di Massimo Osti (CP Company e Stone Island) e
come marchio ho sempre visto la Fred Perry come una vera e propria icona.

ZANI- Anche io adoro Osti, quando il portafoglio me lo consente…E’ sempre
stato un precursore dei tempi e un rivoluzionario.  Alcuni dei capi dai lui
realizzati era decisamente “avanti” e la “terrace culture” sarebbe un
qualcosa di sbiadito se non ci fosse stato lui.
Inoltre  va detto che il retaggio che ruota intorno a Fred Perry sarà sempre
qualcosa di importante in ambienti Mods. Quali sono a tuo modo di vedere i
punti di collegamento tra le scene Mod e Casual?
ALAN – Be’..quando si parla di sottoculture allora è facile trovare punti di
contatto.  Il crossoover sottoculturale è un processo che si è sviluppato in
modo del tutto  naturale in Three Stroke Productions proprio grazie al
background personale di alcuni membri del nostro team. Ecco perchè, nelle
nostre collezioni sono visibili sia elementi mods che casual. Ritengo che il
“mod” nell’abbigliamento non possa limitarsi al cercare di aderire con
coerenza ai dettami suggeriti dai mods che popolavano le strade 30 o 40 anni
fa… Il nostro approccio modernista consiste nel desiderio di coniugare il
nostro retaggio sottoculturale con la contemporanità.
In altre parole, se ci limitiamo al passato come possiamo essere moderni?

ZANI – Disegni tuttora tu stesso le tue collezioni?
ALAN – Siamo un’azienda relativamente piccola e così cerchiamo di fare
tutti un po’ di tutto. Io sono più che altro nel design ma posso anche
impacchettare cartoni se necessario…In ogni
caso è tutto un gioco di squadra. Spesso troviamo ispirazione da vecchi capi
vintage, li ridisegnamo e li reinterpretiamo aggiungendo un tocco di
modernità e poi affidiamo lo sviluppo dei capi ai nostri esperti del
laboratorio tecnico.

ZANI – La compagnia è nata circa 10 anni fa. Che aspettative avevi quando
avete iniziato?
ALAN- Intanto va detto che la situazione del mercato è davvero difficile ma
la passione ha sempre giocato un ruolo importante per noi. Tutti noi in
Three Stroke Porductions  amiamo il nostro lavoro  e quello che facciamo.
All’inizio, tecnicamente,  non sapevamo nulla del mondo del abbigliamento  e
sono certo che se 10 anni fa avessimo avuto l’esperienza e le capacità che
abbiamo oggi, ora saremmo molto più forti..Abbiamo imparato molto dai nostri
errori….ne abbiamo fatti tanti…

ZANI- Deve essere difficile per un marchio non molto conosciuto ottenere
visibilità e riconosciemnto. Crede molto nel vostro prodotto?
ALAN – All’inizio producevamo tutto in Uk. Ricordo le prime bowling Bags
fatte a Manchester. Poi causa prezzi troppo alti spostammo il tutto in
Portogallo e alcuni anni più tardi abbiamo stabilito la produzione in
Italia.  Molti dei nostri fornitori sono piccole aziende
familiari e noi abbiamo una solida relazione con ognuna di loro.  Vogliamo
proseguire in questo modo… In Three Stroke Productions, qualità  e servizio  giocano
ruoli cruciali e noi siamo felici e orgogliosi dei nostri standard.
E’ un dato di fatto che noi siamo molto conosciuti per le grafiche che
stampiamo su t shirt e felpe ma posso aggiungere che le camicie
rappresentano  il nostro capo più riassortito delle ultime 2 stagioni. Il
pubblico ne davvero ha apprezzato la qualità e la vestibilità. Stile Inglese
e realizzazione Italiana!  Prima di scegliere i tessuti giusti per le nostre
camicie ne visioniamo a centianaia…credo che questa sia la parte piu
maniacale dell’intero  processo …

ZANI –  Puoi spiegarci il processo seguito per scegliere i tessuti , i
colori ecc..?
ALAN-  La collezione è realizzata in Italia ma noi siamo coinvolti
nell’intero processo. Dallo scegliere i tessuti alle fiere al comprare
vecchi pezzi vintage nei mercatini . Compriamo vecchi libri e scattiamo
foto. Dedichiamo molte energie nella ricerca relativa alle grafiche che
solitamente poi affidiamo a freelance professionisti. Ogni stagione
realizziamo almeno una quindicina di disegni. Ne abbiamo così tanti  che a
breve realizzeremo una mostra popart.

ZANI – Quale pensi possa essere la differenza the TSP e gli altri brand in
circolazione?
ALAN – Preferisco siano altri a giudicare il nostro lavoro.  Posso solo dire
che noi siamo una delle poche aziende che ancora producono in Italia e ti
assicuro che oggiggiorno non è una cosa facile…Ma questa è una questione
di scelte..

ZANI – Le vostre collezioni hanno forti influenze Mod . Si tratta  infatti
di una cultura costruita saldamente intorno alla sartoria  e al buon gusto.
Discutete molto prima di prendere una  decisione in merito ai capi da
realizzare?
ALAN – Abbiamo imparato a nostre spese che un eccellente giubbotto può
fallire se un minimo dettaglio  che a prima vista può sembrare irrilevante,
non è a posto. Le nostre collezioni consisteono di 50/60 modelli . Il che
non è tanto   se lo compariamo a quello delle aziende piu grandi.
L’approvazione di ogni singolo capo è però una cosa che gestiamo con grande
cura

ZANI – Come approvate un capo? E’ un lavoro di gruppo o vi affidate al
giudizio di qualcuno in particolare?
ALAN- Si tratta di una fase del lavoro che coinvolge tutti: sia il team
“creativo” di cui io sono un membro orgoglioso e sia, ovviamente, anche gli
artigiani del laboratorio in Italia che sono quelli che danno vita al
progetto.

ZANI – Three Stroke Productions ha un design inglese e una produzione
italiana. Come mai avete scelto l’Italia?
ALAN- Per molte ragioni…  L’Italia rappresenta il nostro mercato
principale. E l’italia ha senz’altro un’ottima reputazione per lo stile e la
qualità. Alcuni di noi sono italiani e vivono in Italia ecco perchè è stato
facile per noi trovare i partner giusti e stabilire li il nostro quartiere
generale.

ZANI – Ci sono un sacco di similitiudini tra italiani e britannici nel modo
di vedere le cose, nella mentalità e nella passione relativamente a musica,
abbigliamento e football.
Lavorando con entrambe le nazionalità che differenze hai notato
nell’approccio al lavoro. Quali sono le lezioni da imparare da entambi i
lati?
ALAN- Lavorando in un ambiente anglo italiano da molti anni  conosco bene i
pro ie i contro  di entrambi lati .Ci sono un sacco di aneddoti divertenti
al riguardo che potrei raccontarti  ma credo che italiani e inglesi si
integrino alla perfezione. Si influenzano a vicenda e ci sono momenti di
scambi ad ogni livello.
Va anche detto che sia il Mod che il Casual sono una miscela di gusti
italiani e inglesi. Ti faccio un esempio: l’idea che abbiamo noi di Fila
Vintage e di Tacchini Archivio (le adoro entrambe) non è altro che una re
interpretazione fatta da inglesi che hanno adottato marchi italiani per
farli divenire delle icone casual…Non credo che Fila e Tacchini avessero
questo in mente  40 anni fa..
Tornando all’approccio al lavoro il nostro motto è STILE INGLESE e
MANIFATTURA ITALIANA!!

ZANI – Avete sviluppato link interessanti nel mondo della musica e so che
avete lavorato anche con i Secret Faces (buoni amici di Zani..). Sappiamo
inoltre che avete preso sotto le vostre ali alcune band italiane . Pochi
sono disposti a lavorare con band che non vendono milioni di dischi e quello
che fate ci rinfranca…Posso chiederti il perchè?
ALAN- La verità è che siamo una label che viene dalla scena.. Le nuove band
rappresentano un’oppportunità e sicuramente un ottimo modo per veicolare il
nostro stile. Ecco perchè è fantastico essere coinvolto in eventi musicali
come a esempio la oasisnight.it…La nostra presenza nella scena musicale
genera sostegno reciproco per noi e per le band…Pensa che grazie a queste
attività, band italiane hanno suonato in Inghiltterra mentre bands inglesi
hanno avuto la possibilità di esibirsi in Italia. Quindi direi che la musica
gioca un ruolo cruciale per noi.

Tornando al business,  come vendete nel mondo e quali sono i mercati che rispondono meglio?
ALAN – Lentamente ma stabilmente continuiamo a crescere. L’Italia è il
nostro mercato principale seguito dall’Inghilterra. Riceviamo ottimo
feedback da paesi come Francia, Ungheria e Estremo Oriente

ZANI – Quali sono i vostri progetti per il fututo?
ALAN- Abbiamo un sacco di carne al fuoco.. Il prossimo passo sarà la nostra
partecipazione ad una grande fiera..mentre la nostra collezione verrà
ulteriormente arricchita da capi nuovi molto originali.

ZANI – A parte  la Three Stroke, cosa ti piace indossare dal tuo armadio?
ALAN- Sicuramente i  miei desert boots . Inoltre ho un vecchio  field jacjet
dell’aApha che adoro.

When Winter comes.. Baldur

\n

Well, yes, we know… It might be a bit early for our jackets, but as we see some\u00a0big\u00a0boxes packed with our Autumn\/Winter goodies approaching our warehouse – we are now starting to get into the “new season” mood..\n\n

We are happy to introduce to you\u00a0our new parka style\u00a0“Baldur” coat.\n

baldur\n

MMA : quattro chiacchiere con Alessio Di Chirico

Cari lettori, abbiamo deciso di tornare sul mondo delle MMA ancora una volta e lo facciamo con Alessio Di Chirico, giovane atleta romano appartenente al team Hung Mu .

Alessio si sta facendo onore nella UFC e già questo è un buon motivo per parlare di lui ma non solo: di lui ci hanno colpito l’ approccio completo e “moderno” nei confronti di questa disciplina e, non ultimo, anche il suo senso dell’umorismo.

2

credit : mma-europa.com

Buongiorno Alessio , per iniziare, potresti sviluppare in poche parole un concetto che ci è molto piaciuto quando lo abbiamo ascoltato? E cioè siamo “cavalieri e non gladiatori”.

Salve, è il motto della mia palestra, ideato da uno dei migliori amici Giovanni Pinelli, Nonostante questo sport sia legato da forti pregiudizi, noi crediamo abbia in se dei valori nobili quasi persi in tutti gli altri sport, e quindi pensiamo sia più giusto il termine cavalieri, rispetti a quello dei gladiatori che erano schiavi e non combattevano per propria scelta.

Seguendo un pochino le tue vicende sportive e leggendo qua e la ci siamo resi conto che ti allontani un pochino dallo stereotipo del fighter tutto “sudore e sangue”, ci è sembrato di percepire un approccio diverso, più completo forse più moderno…

Grazie anche se ti posso assicurare che gran parte degli atleti si costruiscono un personaggio da vendere per esigenze mediatiche. Spesso gli atleti subiscono il proprio personaggio
In realtà quasi tutti sono brav’uomini di famiglia, basti pensare ad esempio a kimbo slice, considerato uno dei fighter piu sanguinolenti e violenti ,in realta è stato descritto da molti come un’uomo molto dedito alla sua famiglia.

Ci descriveresti la tua giornata tipo? In cosa consistono i tuoi allenamenti?
Dipende ovviamente dal periodo di allenamento, comunque di solito mi alzo verso le 9, faccio colazione e poi vado un po ad “oziare” in palestra fino alla lezione mattutina delle 12,30 di solito rivolta allo striking per le mma, torno a casa pranzo mi rialleno alle 16 alla lezione di grappling per le mma.
Finita questa torno ad oziare con i miei compagni di squadra fino alle 7 circa in cui faccio lezione in palestra al gruppo amatori.
Infine ceno e sto un po con la mia ragazza.
Potrebbe sembrare noiosa ma ti garantisco che è la vita piu bella che potessi desiderare.

hung-2

credit: grappling-italia.com

Che altro fai durante la settimana?
Niente mangio pane ed mma ?

Come e quando hai deciso di avvicinarti a questo tipo di disciplina?
Q
uando ero ragazzo giocavo a football americano ed avevo abbattuto la soglia dei cento chili… preso dai sensi di colpa finita la stagione ho chiesto al mio amico giovanni di portarmi in palestra da lui e sono stato travolto da questo sport e da quest’ambiente tanto che non ne ho piu fatto a meno. Pensa che co diversi sotterfuggi ho anche fatto prendere casa a mia madre sopra la palestra…

Che tipo di valori pensi possa trasmettere il tuo sport?
Una moltitudine, in primo luogo l’umiltà, è uno sport cosi duro che non puoiai permetterti di distrarti o di “sentirtela calda”, in secondo la lealtà in un modo o nell’altro chi cerca scorciatoie o bara viene sempre punito sia dentro che fuori la gabbia.
Infine la resilienza, in tutto questo tempo l’unica cosa ho capito è che questo sport è un po come una maratona ,vince chi non si ferma mai e il vero talento è la costanza.

Che cosa ti senti di consigliare ai ragazzi che desiderano Download Mobdro iniziare uno sport da combattimento?
Non vi fate ingannare da quello che vedete nei social, questo sport e tutt’un altra cosa quindi spegnete i telefoni, ascoltate i vostri allenatori e diventate uomini combattendo.

Che effetto fa essere un atleta UFC? Come vivi questa accelarata fatta di trasferte, riflettori e successi ?
Quello che dico sempre è che questo è sempre lo stesso sport che ho praticato fin’ora, solo che ora sono sottoposto a molte piu distrazioni, sicuramente essere arrivato all’organizzazione piu importante al mondo è il raggiungimento di grande traguardo, ma sempre guardare avanti!

hung

credit : mma-europa.com

Prossimi impegni?
Non ne posso parlare altrimenti mi licenziano!?
Scherzi a parte non so ancora niente ma cmq non potrei dirtelo credo…

Chi sono i tuoi idoli sportivi o punti di riferimento?
Uno dei miei idoli tra tutti gli sport è il tennista Pete Sampras uno dei piu forti della storia.
Mentre nelle mma a livello tecnico sono un grande fan dell’ex campione dei pesi medi chris weidman.

Hai altri hobby al di fuori dello sport?
Mi piace la scienza, in particolare la medicina infatti torturo il mio ortopedico con mille domande ogni volta che lo incrocio in palestra…

Segui il calcio? La musica? hai delle preferenze?
Si ,non posso definirmi romanista purtroppo perché non la seguo con costanza, ma simpatizzo la roma.
Come musica mi piace il rock e il mio gruppo.preferito sono i rise against

Concludi come vuoi tu !

Grazie mille a voi per l’opportunità una saluto a tutti, viva le botte!

https://www.facebook.com/AlessioDiChirico/

https://www.facebook.com/HungMunMMA/

Three-Stroke Productions & Vespa Club Paris Ile-de-France

We received this article from our friends at Paris Vespa Club…Thanks guys and keep up the great work !!

vespa

Three-Stroke Productions & Vespa Club Paris Ile-de-France

par2

 

Three Stroke Productions, established in the 90’s, has always been more than just selling clothes. They have been supporting the “scene” of Mods, Scooterists since their creation. They’re now partners of the Vespa Club Paris – Ile De France.

They make cool T-shirts, polo shirt, shorts, etc… You’re sure to look the part in their clothing, the quality is just perfect and our club members have tested their range during the Vespa World Days 2016 under the sun of Saint-Tropez, at every occasion either casual, smart casual or to go out to parties.

The photos speak for themselves, we are pride of being partners with Three Stroke Productions, Download Mobdro and during this worldwide event held in the south of France between 2/5 June 2016 many of the 6000 vespists and scooterists who attended this event, organized by Vespa Club de France, told us that our polos, tshirts and shorts were really nice.

Our next event will be the Vespa Parade Paris on 17th September 2016. Be sure we will be proud to show our partnership with Three-Stroke Productions.

Contact us on : https://www.facebook.com/Vespa.Club.Paris.IDF/ and see our photos from Vespa World Days 2016.

See last 2016 Vespa Parade Paris on : http://www.marieuribe.com/gallery/paris-vespa-parade/

par3

 

 

A young female boxer from France: Emma Gongora

Emma Gongora is a young female boxer from France.
Our readers know how much we love combat sports and it is great to see that the number of girls approaching these sports is growing fast.



13219803_498195377038865_1486261619_n
When and why did u start boxing? What does it mean to you?

Before joining the boxing world, I was doing Pentathlon at high level (my specialties were : 400 run and 400 hurdles) during 6 years. I’ve decided to stop when i reached the point where i couldn’t see my score improving anymore and I started boxing. On 2013 I discovered martial arts and started practicing MMA for 6 months. In April 2014, I joined a small first’n’feet boxing club in Ardèche (Rhône-Alpes area). In December 2014 I jumped on the ring for the first time in full-Contact for the inter-regional championships and I won 2 fights in one afternoon (one by one). After that I won the French National championships (full-contact). In 2015 I joined a new club where I started practicing Kick-Boxing, K1 and English boxing. I became French champion in K1 and vice-champion of Kick-Boxing. Soon after that I moved to Marseille where I joined a famous boxing-club : the Mondial Boxing club. Download Mobdro I always wanted to practice fist and feet boxing and I always knew I was made for it. Today this sport means a lot to me.

13089989_492815504243519_1953161333_n

Tell us about your typical day schedule…Training, work, etc
This year I m in traineeship in Industrial logistics (1 month in school and then 1 month at work in a company) My routine can be described as : Monday to Friday : _08H00 to 16H30 : school or work _17H30 to 18H30 : revision _19H00 to 20H30 : training or sparring . Saturday : cardio training or work out/sparring. It’s hard to combine studying and intense training but when we want, we can. I do my best to never miss a single training and keep my school level.
13115659_492705560921180_513446896_n
Your hobbies?
Boxing is part of my hobbies. During my short free time I love to ride my motorbike on the hilly roads of Marseille and around. I like this feeling of freedom when I drive my bike, this also caused me a broken clavicle last November and I had to stop boxing for almost 2 months…. Fortunately today, I m fully recovered !
13090734_492815944243475_1146719258_o
Please tell us something about your recent fights.
I took part in the French Championship in Paris on 7 and 8th May.
I was directly in final. The fight was in 3x2minutes. And I won on points the smile emoticon belt
On 23 april 2016 I was invited to joing the “Simply the boxe” event. I met my opponent the day before for the weighing (we were both at 55.4 kilos) The next day, during the evening of the event while i was waiting my turn in the locker room, the coach gave me the last recommendations.. ( Impose your pace, don’t let her breath….) Then came the fight, I followed what my coach told me and won the fight with unanimous vote of the judges.(it was my seconde fight without any protections) My feelings : there still a lot of work to practice my low kicks, but i felt much better and easy going in fights with no protections. The strike delivered have to be more clean and effective.
Keep up the great work Emma !!
follow Emma on facebook
13084158_492705534254516_1976803259_n (1)